Phnom Penh

Phnom Penh

 

Capitale della Cambogia è situata alla confluenza di tre fiumi: il Mekong, il Tonle Sap e il Bassac; conta una popolazione di circa 700.000 abitanti. La visita della città può riservare grandi sorprese a cominciare dal Palazzo Reale costruito nel 1434; questa splendida reggia, ispirata al palazzo reale di Bangkok è miracolosamente rimasta intatta dopo anni di guerre. Vicino al Palazzo Reale si trova il Museo Nazionale che possiede un’incredibile collezione d’opere d’arte e sculture del periodo Khmer e di epoche antecedenti. Il Museo Toul Sleng, testimonia gli orrendi crimini compiuti dai Khmer Rossi. Nei dintorni di Phnom Penh si può visitare il Campo di Sterminio Choeung Ek, dove tra il 1975 e il 1978 circa 17.000 persone furono uccise. Più di 8.000 tedeschi accuratamente suddivisi secondo il sesso e l’età; sono esposti nelle teche di vetro di un altissimo stupa eretto nel 1988, in memoria delle vittime. Molti dei palazzi in Phnom Penh portano i segni dell’influenza coloniale francese, molto evidenti nelle numerose ville e viali alberati tutt’ora ben conservati.